Dolore questo (s)conosciuto

01.03.2018

Dobbiamo innanzitutto dividere il dolore in due grandi categorie: il dolore utile-necessario ed il dolore inutile cioè non necessario!

Il dolore utile ha funzione di allerta, allarme, e ci aiuta a preservare la nostra incolumità: interviene di solito quando ci sottoponiamo ad uno sforzo eccessivo oppure quando ci procuriamo una ferita. Il più delle volte è associato a fenomeni di difesa volti ad evitare il pericolo attuale o imminente: pensiamo quando mettiamo per caso una mano in prossimità ad una sorgente di calore: la prima reazione è dolore (riflesso = sintomo) e subito dopo l’allontanamento di difesa (riflesso = evitamento). Il dolore inteso come “ riflesso” è quindi necessario alla nostra sopravvivenza: senza il dolore allarme non si riuscirebbe a segnalare una condizione infiammatoria acuta (ad es. appendicite acuta).

Il dolore inutile è un dolore che non passa nonostante i nostri sforzi, persiste anche dopo la naturale evoluzione della infiammazione iniziale: spesso si manifesta dopo che la condizione infiammatoria iniziale è progredita e non è stata curata in modo corretto. Alcuni esempi sono: il dolore sciatico che persiste nonostante l’ernia del disco sia ridotta oppure il dolore che persiste nonostante ci si sia sottoposti ad uno specifico  intervento chirurgico. Tipico dolore inutile è quello che persiste nonostante ci si sia imbottiti di farmaci analgesici! In tutti questi casi il dolore ha perso la sua funzione originaria e diventa quasi una malattia vera e propria e quindi va opportunamente individuato e trattato in modo specifico ed accurato.

Lo Specialista del dolore è quel medico in grado di comprendere le caratteristiche del dolore, di individuarne l’origine e programmare il trattamento più corretto. E’ inoltre in grado di prevenire l’insorgenza del dolore cronico = malattia, mettendo in atto procedure e suggerimenti volti ad evitare la cronicizzazione di una iniziale sindrome infiammatoria.

“Dove c’è un nervo c’è dolore”. Questa regola è importante nella gestione del dolore inutile perché è alla base dei principali criteri di diagnosi utilizzati in terapia del dolore. Attraverso la precisa ricerca dei cosiddetti generatori del dolore (pain generators) è possibile attuare le procedure antalgiche più efficaci (pain killers). La diagnostica del dolore prevede la ricerca dei pain generators utilizzando sistemi di neuro modulazione che permettono allo specialista di individuare le strutture nervose corresponsabili del mantenimento del sintomo doloroso. Queste strutture possono essere superficiali oppure profonde e comunque sono individuabili utilizzando specifiche attrezzature diagnostiche. Lo Specialista è in grado di evocare nel paziente un formicolio o un lieve dolore che si sovrappone alla sintomatologia originaria: con questo sistema possiamo trovare il “nervo” responsabile del sintomo e successivamente di trattarlo con sistemi “elettrici” di rimodulazione (reset) assolutamente non lesivi.

Questa metodica è riproducibile per quasi tutte le tipologie di dolore sia superficiale che interno: ad esempio ci aiuta quando dobbiamo scoprire perché un paziente ha ancora dolore nonostante si sia già operato! Spesso le immagini radiologiche infatti non ci aiutano completamente nella ricerca poiché non interagiscono attivamente col paziente sebbene descrivano con esattezza la struttura anatomica…

Una volta individuata la sorgente del dolore è possibile attivare la terapia più corretta! Nella moderna gestione del dolore si parla sempre di terapia funzionale del dolore,  preservando cioè sempre l’integrità del paziente, prediligendo il recupero funzionale ed il miglioramento della qualità della vita, evitando nella maniera più assoluta di danneggiare irreversibilmente strutture nervose!

Le tecniche antalgiche in ultima analisi sono volte a controllare il dolore inutile ma ovviamente non provocano la riduzione o la soppressione del dolore utile: il paziente una volta “guarito” dal dolore non necessario, continuerà ad avvertire quel dolore allarme (infiammatorio) utilissimo alla sua sopravvivenza!

 

Copyright Dott. Pierluigi Manchiaro - riproduzione vietata senza preventiva autorizzazione

 

 

Share on Facebook
Please reload

Blog

Altri Post
Archivio
Please reload

Seguici
  • Grey Facebook Icon
Please reload

  • White Facebook Icon

di Alessia Chioldin

Via Nazionale 239

45033 Bosaro (RO)

tel. 0425 932198
 

Partita IVA 01537140293